Ciao Vik

16 04 2011

.

Incredulità.

Dolore.

Pianto.

Sofferenza.

Quanto tempo dovrà passare ancora perchè l’uomo comprenda l’incredibile pazzia della violenza?

Sei “guerrigliero” della verità,  spero che avrai pregato per i tuoi carnefici!

Come ha detto tua madre:

“Avere come obiettivo non la propria realizzazione personale

ma lavorare per gli altri, soprattutto per i più sfortunati”.

Nella testimonianza della morte

si trasmette la forza delle idee.

aggiornamento 1





Il segreto

10 04 2011




L’origine di tutti i mali

26 03 2011

Ammesso che si possa individuare un peccato originale possiamo forse pensare che questo si possa trovare in un luogo bel nascosto, in modo che sia difficile scoprirlo e quindi liberarsene?

Come recita anche un’antica leggenda indù, siamo spesso talmente distratti dall’apparenza delle cose che perdiamo di vista l’essenziale, il fatto più concreto: possiamo “agire” ESCLUSIVAMENTE su di noi.

Siamo solo noi stessi che possiamo “cambiare” e quindi, di conseguenza, potranno anche cambiare le esperienze che vivremo.

Ma come ci insegna la leggenda, il potenziale su cui agire per il cambiamento sta al centro, ed il fulcro su cui ruota il mondo oggi è il denaro.

Studiamolo.

Analizziamolo.

Comprendiamolo.

Inquadriamolo.

Questo è il punto d’appoggio su cui far leva e cambieremo il mondo.





Esegesi dell’Inno di Mameli

20 02 2011

All’altezza dei grandi artisti citati

ci hai contagiato con la passione

l’amore e la semplicità del genio

Grazie Roberto per la tua esegesi dell’inno di Mameli





Israele verso Palestina

16 01 2011

Impressionante vedere come Israele, in pochi anni, abbia mangiato/fagocitato il territorio della Palestina.





Nucleare? NO, grazie

5 01 2011

incredibile sfrontatezza





La parola IO

1 01 2011

Più passa il tempo e più mi rendo conto di quanto il Sig G sia stato profetico!

Il suo ultimo album – IO NON MI SENTO ITALIANO – tra le altre cose uscito postumo nel 2003 dopo la sua dipartita, rappresenta un monumentale testamento in cui affronta la questione fondamentale: chi siamo, chi sono IO.

Con il brano “LA PAROLA IO” riesce a raggiungere le vette più alte dell’espressione poetica nel toccare il tema più profondo dell’intimo umano: a quando i suoi testi nei libri di scuola???

(foto tratta dal sito ufficiale della Fondazione Giorgio Gaber)