Basta omissioni, è arrivato il momento di agire

30 11 2007

Pensieri, parole, opere e … omissioni.

Quante volte abbiamo recitato questa frase durante la “Messa”!

Ormai le idee sono disponibili ovunque, basta volerle cercare, in rete c’è tutto: centrofondi, sovranitàmonetaria, disinformazione, signoraggio, consapevole, la tela, assolutamente impensabile pochi anni fa.

Per passare dalle parole ai fatti senza arrivare alle “omissioni” c’è però bisogno di stringere un patto interiore d’acciaio tra cervello e cuore, la mente e il braccio: è in arrivo il TAU!

Annunci




La rivoluzione, oggi … rivoluzione monetaria

29 11 2007

Da alcuni mesi, navigando nella rete, ho scoperto di non essere libero, ma schiavo del denaro.

Libertà e schiavitù sono parole talmente cariche di significato, con aspetti così profondi e delicati che abbiamo perso il senso del loro valore, tanto in quanto veniamo anestetizzati dal “rumore” delle notizie e delle immagini.

Piano piano, leggendo i report di centrofondi e gli scritti di sovranitàmonetaria, ho superato il limite del disagio e della vergogna derivanti dalla mia ignoranza in tema di economia e finanza e ho iniziato ad ambire la vera informazione.

E come si sà è la verità che ci rende liberi.





Anch’io sono un blogger

28 11 2007

Nonostante siano passati alcuni mesi da quando è iniziata questa avventura non mi sento ancora un blogger.

Leggendo questo post di Mantellini  ho però “visto la luce”: si, anch’io sono un blogger!

Io quando sento la parola “blogger” penso molto prima

ad un lettore di blog che non ad uno che ne scrive uno.





Responsabilità sociale delle imprese

28 11 2007

Sabato scorso ho partecipato al convegno “Territorio e turismo: le difficoltà, le esperienze e le prospettive”, organizzato dal TCI e Cobat, presso la “Campionaria delle qualità” alla fiera di Rho.

La sorpresa più bella è arrivata nelle parole del Dr Zilla (sostituto del Presidente del Cobat, Giancarlo Morandi) che descrivevano l’esperienza della “Missione Ladak”: ho percepito veri sentimenti, non solo necessità aziendali!

E’ bello quando inaspettatamente si incontra l’amore disinteressato, quando sotto la corazza della struttura aziendale si sente pulsare il cuore dell’essere umano!





La Storia siamo noi (2)

16 11 2007

Anche questa mattina, ore 8e10 rai3, ho visto La Storia siamo noi.

Minoli ha trasmesso un documentario, realizzato da RaiEdu e dalla TV tedesca, circa gli oppositori di Hitler.

La cosa che più mi ha impressionato è stata la voce del giudice che ha condannato gli imputati per l’attentato del luglio 1944.

La riflessione: la società riflette la natura dei suoi elementi.





Lasciare andare le cose

14 11 2007

Oggi ho postato un commento nello spazio della Flauta.

Lo riporto anche qui:

lasciar andare le cose…
lasciar andare le cose dentro di sé,
mollare la presa sui nostri attaccamenti.
Non mi capita spesso di intervenire nei luoghi dove mi piace andare, sono sostanzialmente un timido, ma, di fronte all’emozione provata nel riconoscermi nelle tue parole, mi sono lanciato a scriverti.
Mi rendo conto che non è facile riuscire a comunicare bene, in argomenti così delicati e complessi, sulle pagine di un blog, ma questo abbiamo e quindi avanti, provo ancora.
L’aspetto sostanziale del mio intervento è centrato sull’idea più rivoluzionaria, io penso, che oggi esista: smetterla di aspettarsi riconoscimenti, piaceri e felicità dalle cose/persone/situazioni esterne ma cominciare ad imparare che l’unica fonte di riconoscimento, piacere e felicità comincia DENTRO di noi.
E qui viene il bello: NOI non siamo  il nostro ego – maestro di “conservazione della specie”, così bravo a strutturarci che, nel corso del tempo, costruisce bastioni di difese talmente imponenti che le armate di Sauron ci fanno un baffo!
Il fulcro della questione è solo questo: siamo disposti a smontare le difese costruite dall’ego per difendere sé stesso e cominciare a scoprire REALMENTE chi siamo?
Pillola rossa o pillola blu?
Intendiamoci bene: nessuno ha mai detto che sia facile ma le dinamiche che oggi viviamo, in questo mondo impazzito, ci dicono molto chiaramente che, se l’intelletto non ritrova la strada del cuore, siamo perduti.
Questa è la questione fondamentale.
La vita ci pone in continuazione di fronte a problemi (che noi crediamo impossibili) ma, al di là della loro soluzione, c’è sempre la possibilità di utilizzarli per raggiungere il punto chiave del senso della vita: chi siamo e che senso ha questa esperienza?
Ovvio che questo non ti risolve la difficoltà contingente, per questo mi verrebbe di appoggiare la proposta di Nopillsyet

…qualcuno che lo aiuta nel pomeriggio e che non sei tu? a volte c’è bisogno di stimoli esterni.

oppure

pensa che ogni essere ha un suo potenziale, è solo questione di tempi, è solo il giudizio (esterno o interno che sia) che  ci intrappola nell’omologazione …





La Storia siamo noi

7 11 2007

Che bello, questa mattina RaiEdu ha trasmesso un servizio su Gandhi.

Che sorpresa, come cambiano le cose!

Sarà replicato alle 00.40 di questa notte!